Ricetta Forum dell’ Apicoltura del Mediterraneo
Forum dell’ Apicoltura del Mediterraneo


FORUM DELL’APICOLTURA DEL MEDITERRANEO
Palazzo Deli, 21 e 23 novembre

Il miele, ben oltre il suo significato di eccellenza, diviene a tutti gli effetti presidio alimentare
e l’apicoltura, ben oltre il suo valore economico, un presidio territoriale.
Con questa convinzione si apre il quarto Forum Internazionale sull’Apicoltura del Mediterraneo nell’ambito di Mielinumbria a Foligno


In occasione di Mielinumbria, a Foligno da venerdì 21 a domenica 23 novembre, si rinnova l’incontro tra i produttori di miele del Mediterraneo a cui parteciperanno delegazioni provenienti da Italia, Marocco, Albania, Libano, Francia, Siria, Palestina.
La manifestazione da ormai quattro anni è divenuta occasione di incontro e confronto tra gli apicoltori di un’area da sempre specchio di grandi contrasti ma anche di grandi affinità, caratterizzata da una ricca varietà di mieli (di arancio, castagno, carrubo, giuggiolo, mandorlo, acacia, sulla, rosmarino, lavanda, timo, melata, banano…) da tutelare e valorizzare.
Produttori, tecnici e ricercatori del settore apistico discuteranno a Foligno su uno dei temi più gravi dell’apicoltura moderna e purtroppo di grande attualità: la lenta scomparsa delle api. Se non si interverrà in modo deciso, ad ogni livello di possibilità e competenza, le nostre campagne riceveranno un’altra ferita gravissima e dagli esiti forse irreversibili.
 
Difesa della biodiversità
Nell’area del bacino mediterraneo sono presenti almeno otto razze diverse di api mellifere: Ligustica,  Sicula, Sahariense, Syriaca, Caucasica, Cyprica, Armenica.
Alcune di queste razze sono a rischio di scomparsa, altre a rischio di inquinamento genetico. L’apicoltura, in quanto attività produttiva, non intende osservare e restare impotente, ma essere parte attiva e propositiva per la propria difesa, ma anche dell’agricoltura, dei territori, dell’ambiente, di una diversa idea di socialità, di sviluppo sostenibile e di dignità del lavoro.
L’Apau, Associazione Produttori Apistici Umbri, che presiede il Forum dell’Apicoltura del Mediterraneo (MBF), costituito lo scorso anno a Foligno, in questo progetto è in prima linea e ha già intrapreso il coordinamento - in vari Paesi dell’Area mediterranea - di  iniziative specifiche a sostegno delle apicolture locali. Tra queste l’avvio, in Libano, di attività finalizzate alla difesa e alla propagazione della razza syriaca un tempo diffusa nelle aree medio-orientiali, in collaborazione e con il sostegno della Cooperazione Italiana, delle Agenzie dell’Onu UNOPS e UNDP e delle associazioni aderenti a MBF.
Il Forum di Foligno, dunque, si basa sul presupposto che se il miele va considerato un presidio alimentare da tutelare, tanto più l’apicoltura è da intendere come presidio territoriale. Solo così le autorità competenti potranno adottare adeguate strategie e attività finalizzate alla salvaguardia dell’ambiente.
Strumento e spia della tutela ambientale, sinonimo di tradizione e salubrità, l’apicoltura  assurge, proprio in un momento di crisi, a protagonista nell’affermazione di nuovi criteri di difesa della ruralità e della territorialità.

Di questi argomenti si discuterà nelle varie sessioni del Forum: Venerdì 21 novembre, a partire dalle ore 9.00, Sala del Camino di Palazzo Deli e Domenica 23 novembre, dalle ore 15.30, Sala della Corte del Comune.

Per maggiori informazioni: mercato@comune.foligno.pg.it Tel. 075 5847055 – 0742 3301

Chi ha visto questo articolo ha letto anche:

Cerca anche  
» 

Cosa ne pensi?